Non siamo nati per scelta, per quel che ne sappiamo. Né abbiamo scelto il posto ed il tempo in cui nascere. Eppure, da quando nasciamo, non facciamo che scegliere, e ogni scelta implica una rinuncia, una angoscia e l’ansia di poter sbagliare. Non c’è nessuna garanzia di indovinare e, soprattutto, non si può tornare indietro. Arriva per tutti un momento nella vita in cui ci sei solo tu, gli altri e la tua scelta. E tutta una serie di scelte successive e conseguenti alla prima. Sembra un incubo, eppure è l’essenza stessa della libertà, la quale consiste proprio nella possibilità di scegliere. Un individuo senza scelta non è un individuo libero. Eppure sarebbe bello liberarsi dal paradosso della propria libertà, non essere più schiavi delle proprie scelte, poter scegliere di non scegliere, finalmente e consapevolmente, vivere ogni attimo lasciandosi trascinare dal caso, senza decidere che strada prendere o dove andare. Far scegliere alla vita per noi, che tanto, in fondo, è sempre stata lei a scegliere per noi, anche quando abbiam creduto di scegliere, anche quando ci siamo illusi di essere liberi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: